Aggiornamento: 11.06.2017     Realizzazione:  a cura del C.A.O. ©
  • Quota all'attacco: m 1350
  • Quota all'arrivo: vetta del Monte Grona, m 1736
  • Sviluppo: m 700
  • Dislivello: m 386
  • Difficoltà: DIFFICILE (confronta le scale di difficoltà)
  • Tempo medio di salita: ore 2,30
  • Esposizione: sud



(da vie ferrate)


Come arrivare
Accesso: da Breglia (Plesio), passando dal Rifugio Menaggio
(ore 1 dal parcheggio dai Monti di Breglia al Rifugio, altri 20 minuti fino all'attacco)

SALITA DA PLESIO AL RIFUGIO MENAGGIO Da Menaggio (Como, lungo la sponda occidentale del Lago) si segue la statale della Val Solda (Porlezza-Lugano) per circa l km; al primo bivio si volge a destra seguendo le indicazioni per Plesio. Da qui si prosegue lambendo lo stabilimento di produzione dell'acqua minerale Chiarella per giungere, poco dopo, alle bella frazione di Breglia annidata in una splendida conca prativa (circa 3 Km dal bivio), con ampia disponibilità di parcheggio. Poco prima della chiesa del paese (cartello indicatore), una stradicciola asfaltata sale verso sinistra raggiungendo, dopo circa 4 Km, superate le case dei Monti di Breglia 996 m, si può lasciare l'auto (nuovo piazzale per parcheggio auto). La carrareccia prosegue, stretta e non più asfaltata e con il divieto di accesso. Si segue questa strada per un primo tratto finché un cartello indicatore non segnala il sentiero per il rifugio. Si prende, allora, a sinistra sulla mulattiera che dopo aver lambito di nuovo la strada presso un tornante continua a tornanti fra spazi erbosi e rado bosco di betulle. A quota 1120 m, presso una zona di rimboschimento cintata, il percorso si divide. Seguendo entrambre le due diramazioni, si giunge al rifugio. A nostro parere è più consigliabile il percorso alto, quello di destra, che è assai più panoramico. Si sale, per il sentiero alto, ancora con parecchi tornanti finché ha inizio un lunghissimo tratto a mezza costa che, dopo aver traversato la Val Pessina, raggiunge il panoramico dosso erboso dove sorge il rifugio già visibile da lontano.
Dall'estate 2017 la strada da Breglia al parcheggio è a pagamento
SALITA DAL RIFUGIO MENAGGIO AL MONTE GRONA Dal Rifugio si prende il sentiero (cartelli indicatori) che in piano punta verso Sud-ovest raggiungendo la base dei denti di Grona, la serie di torrioni calcarei che formano lo sperone Sud-est del monte. Traversato lo sbocco del canalone detritico percorso dal sentiero della "Direttissima" si raggiunge la base dello sperone dove, presso una pianta, si trova la partenza della ferrata (targa indicatrice). Si inizia subito su terreno ripido per superare di slancio la "prima torre" dalla cui vetta la via piega a sinistra sino ad un settore di rocce adagiate che si risalgono per poi deviare nuovamente a sinistra. Si riprende a salire superando uno speroncino arrotondato per poi arrivare all'intaglio posto alla base della "seconda torre", dove si incrocia per la prima volta il sentiero della "Direttissima". Si scala il torrione, dapprima verso destra, poi a sinistra, lungo uno speroncino. Poco oltre, roccette adagiate portano alla base della "terza torre", che costituisce il tratto più impegnativo a causa di una difficile placca rocciosa, al cui termine si è in cima alla torre. Ci si abbassa, quindi, al successivo intaglio incrociando ancora il sentiero della "Direttissima" per poi proseguire percorrendo il salto finale di rocce che adduce in vetta.
DISCESA Dalla sommità si segue il sentiero che volge a Nord-est raggiungendo la sella ove giunge il canalone della "Direttissima". Si risale brevemente sulla sommità Nord del Grona e, seguendo il sentiero fra roccette e detriti, ci si abbassa con attenzione seguendo la cresta Nord della montagna e raggiungendo la sella della Forcoletta. Da qui, sempre per ripido sentiero detritico, si scende sul dosso erboso ove sorge il Rifugio Menaggio.



Ferrata CAO del Centenario
Al Monte Grona